Identità, consumi e valori dell’età matura

50&Più Fenacom ha promosso un’indagine sui consumi, i valori, l’identità del mondo anziano in Italia.
La ricerca costituisce una logica evoluzione del Rapporto 1998 “Essere Anziano Oggi – Una strategia compiuta per le generazioni”, con il quale si affrontava in termini generali la necessità di cambiare la prospettiva con cui si guarda di solito alla terza età. Siamo davanti ad un “periodo virtuale” da interpretare nei suoi bisogni, nelle sue attese, nelle sue potenzialità, nella sua voglia di vivere.
Proprio per questo l’indagine di quest’anno compie un passo avanti e approfondisce un ambito specifico (tramite 1.500 interviste dirette): quello del consumatore anziano, completato dal quadro dei valori dell’identità (individuale e collettiva) e dei rapporti tra le diverse generazioni. Ne emerge uno stile di consumo evoluto, nel quale trova posto il piacere di essere protagonisti attivi e arbitranti delle proprie spese, ma anche la consapevolezza di poter “consumare meglio”, nonché la valutazione ponderata del fenomeno della pubblicità. Ma appare anche elevata la percezione di una situazione divaricata, tra il peso oggettivo e la forza del mondo anziano, da un lato e l’immagine ancora “povera” di cui questo settore soffre, dall’altro. Con la necessità e l’opportunità conseguenti di gestire la trasformazione di ruolo che attende la terza età, se questa vuole – come vuole – diventare un soggetto vitale che conta, quando consuma, quando parla, quando vive.